Comunicati

Coach Giugliano, quando si dice la passione per il rugby

Lo Staff Tecnico è uno degli elementi più importanti per la vita di un Club, gli allenatori ne sono l’ossatura.
Per questo abbiamo deciso di continuare questi “faccia a faccia” con alcuni tecnici, conoscere la loro storia, cosa significa essere rugbista e cosa vogliono trasmettere ai nostri Ragazzi.
Oggi è la volta di coach Luciano Giugliano dell’Under 18 a cui chiediamo una breve biografia da giocatore ed allenatore.

“La mia carriera da rugbista inizia molto presto, avevo otto anni ed ho cominciato nel campionato scolastico. Le giovanili nella Rugby Ostia sino al debutto in serie C di cui ricordo le quattro finali per accedere alla categoria superiore. Poi cinque stagioni con la Capitolina in serie B ed altre quattro in C con il Fiumicino. Ossa rotte tante. Ruoli in cui ho giocato, pilone e tallonatore. Mete fatte, poche, però come diceva il grande Owen Frank…poche mete perché ero impegnato a fare cose più importanti durante la partita… Da allenatore ho fatto tutta la trafila ed oggi mi sento lusingato di allenare questi ragazzi.”

Cosa cerchi di trasmettere ai tuoi giocatori delle emozioni e dei valori del rugby con i quali sei cresciuto da giocatore e d’allenatore?

“Il rugby, la squadra, l’ho inteso sempre come una grande famiglia. Come in tutte le famiglie ci sono dei ruoli che vanno rispettati, l’allenatore e il capitano in primis. Io devo trasmettere ai ragazzi non solo i principi del gioco ma anche il rispetto e il sacrificio per gli altri. Il capitano attraverso il suo esempio sarà da sprono per gli altri, la bandiera della squadra.”

Dalle parole di coach Giugliano si capisce che l’elemento fondante di tutto è la squadra, per questo afferma.

“In questa stagione ho un giocatore in Accademia FIR e sono molto contento di quanto accaduto, spero si metta a disposizione dei compagni di squadra. Tutti sanno che nessuno ha il posto sicuro, quello se lo devono conquistare allenamento dopo allenamento.”

E’ normale parlare di risultati da conseguire, ti sarai dato degli obiettivi, quali?

“L’Under 18 è una categoria importante, fa da ponte fra le giovanili e la seniores. I miei ragazzi li conosco tutti ed ho e vorrò sempre avere con loro un dialogo aperto. Il lavoro, la voglia di migliorare, credere in un progetto, può portarci a disputare un ottimo campionato; non siamo secondi a nessuno.”

La Società cosi si aspetta da Luciano Giugliano?

“Il Club mi ha chiesto di crescere dei buoni giocatori, dediti allo sport e al rugby, trasmettergli i valori con cui anche io sono cresciuto rugbisticamente. Io ce la metterò tutta perché amo questo sport che mi ha dato tante soddisfazioni e voglio farle rivivere anche a loro.”

Di una cosa siamo sicuri, coach Luciano il rugby lo ha nel sangue e dalle sue parole si capisce quanto profondo sia il suo amore verso questo sport.

A questo punto non possiamo che urlare…daje Under 18 facci sognare.

Roma 12 settembre 2018

ufficiostampa@neaostiarugbyfc.com
contributo fotografico www.livephotosport.it